COMMENTO ILLUSTRATIVO AL FILE
Il presente file, denominato "Lavoro Straordinario", 
attraverso l'inserimento di apposite funzioni di programmazione, 
si propone il seguente obiettivo:
a) l'ottemperanza al principio normativo inerente il miglioramento 
    dell'efficienza dei servizi, statuito per legge;
b) permettere a chiunque, anche a coloro i quali non abbiano una 
   conoscenza specifica del foglio elettronico (excel), di sviluppare
  in modo estremamente semplice un foglio di calcolo relativo all'istruttoria 
  di un servizio contabile di certa complessità. Ciò è reso possibile anche 
  con la protezione di celle ove siano state immesse funzioni di calcolo.
Il file in argomento consta di quatro fogli di calcolo:
1) il primo foglio di calcolo è destinato ad archiviazione dei dati. Ogni dipendente 
   è archiviato mediante una codifica numerica e progressiva;
2) il secondo foglio di calcolo consiste nella tenuta del servizio di che 
    trattasi e presuppone la digitazione del numero delle ore di straordinario
    svolte dal dipendente in un determinato mese, a seconda che siano
    ore feriali, festire o festive e notturne. 
    In questo foglio di calcolo confluiscono tutti i dipendenti che abbiano svolto
    lavoro straordinario in un esercizio finanziario (da gennaio a dicembre).
    Ogni rigo darà lo sviluppo delle ore di straordinario svolte nel mese considerato,
    dando luogo alla determinazione degli importi al lordo ed al netto delle
    ritenute di legge, al netto pagato ed al saldo progressivo scalare sul capitolo 
    di bilancio.
     La cella intestata all'imponibile di contribuzione previdenziale contiene
     la programmazione delle tariffe orarie (feriali, festive e festive/notturne) 
     per qualifica funzionale, in modo che le colonne interessate alla rilevazione 
     delle ore di straordinario per tipologia si adoperino da prodotto tra le ore 
     lavorate per le relative tariffe.
3) Il terzo foglio contiene il riepilogo dei dati complessivi riconducibili 
    ad ogni dipendente: a) il totale delle ore di straordinario lavorate
    fino a quel momento; b) il totale di tutte le ritenute di legge a carico del dipendente
    e di quelle a carico dello Stato; c) l'ammontare totale degli importi netti
    riscossi nell'anno; d) l'ammontare totale degli accreditamenti sul capitolo di bilancio;
    e) il saldo progressivo scalare sul capitolo di bilancio.
4) il quarto foglio di calcolo sviluppa il riepilogo dei dati complessivi di tutti i 
    dipendenti riconducibili a ciaschedun mese, secondo la logica della totalizzazione
    delle varie colonne di tutti i dati retributivi trattati fino a quel momento, a seconda 
    di quanti e quali siano i dipendenti trattati ed i mesi lavorati nel periodo di tempo 
    considerato.
Appare opportuno evidenziare, per chiarezza espositiva, che dal confrontro
tra il secondo, terzo e quarto foglio di calcolo sopra menzionati, emerge un
unico termine di comparazione: il saldo progressivo scalare, dato per differenza
tra gli accreditamenti ricevuti nell'esercizio ed i pagamenti disposti dall'ufficio
di appartenenza del personale dipendente in quell'esercizio.
Ciò non fa altro che fungere da riprova dell'esattezza del risultato conseguito
nonché della relativa quadratura contabile del suddetto saldo (facente parte
di una procedura interna) con la contabilità ufficiale, tenuta dal C.E.D.