Indice

In ordine all’applicazione del CCNL del Comparto Ministeri – 1998/2001.

estratto dalla Rivista on line  "www.comuni.it" - rubrica Pubblico Impiego

Autore: nucciob

In relazione all’oggetto, si chiede cortesemente quanto segue:

premesso che:

- a funzionari di ragioneria (area C) viene richiesto da sempre – senza soluzione di continuità (per mancanza in organico di qualifiche di tipo esecutivo) - di produrre i rendiconti finanziari agli organi di riscontro contabile, predisponendone i relativi atti a corredo, consistenti nelle contabilità delle spese sostenute e liquidate, le quali hanno comportato preliminarmente l’impianto di un’istruttoria procedimentale per la gestione economico-finanziaria dei capitoli di bilancio;

- considerata la previsione contrattuale del CCNL in oggetto, che prescrive che i lavoratori dell’area B (in specie la categoria B2), nell’ambito della specifica professionalità, svolgono attività preparatorie di atti anche da notificare, predispongono computi, rendiconti e situazioni contabili semplici, …

- si desidera sapere, se, ad avviso di codesta Testata

può ritenersi legittimato ad astenersi dalla rendicontazione – senza incorrere in delle sanzioni amministrative - il funzionario di area C, motivando per iscritto che il lavoro impostogli non rientri nel suo profilo professionale, in quanto riconducibile a specifica professionalità posseduta, implicante lo svolgimento di studi o ricerche, il coordinamento o la direzione di unita, con o senza rilevanza esterna, nei diversi settori di competenza, provvedendo agli adempimenti previsti nell’ambito di normative generali, emanando direttive ed istruzioni specifiche per il raggiungimento degli obiettivi assegnati?

Si ringrazia molto, rimanendo in attesa di cortese riscontro.-

Con vive cordialità. nucciob.-

E-Mail: 1002@tiscali.it

-----------------------------------------------------

RISPOSTA

Autore: Redazione "www.ilpersonale.it"

Il caso prospettato attiene allo svolgimento delle c.d. mansioni promiscue, ipotesi che ricorre allorchè insieme alle mansioni proprie della categoria di appartenenza vengono svolte altre mansioni riferibili alla stessa o ad un’altra area funzionale.

Nella specie, ricorrerebbe un caso di scorrimento c.d. verticale, atteso che le mansioni di rendicontazione finanziaria appartengono al profilo professionale della categoria B2 del CCNL del comparto Ministeri.

Tale scorrimento, tuttavia non è di per sé illegittimo (non comportando un demansionamento) se si tiene conto che (come ha precisato la giurisprudenza) ove siano espletate mansioni promiscue la prevalenza di quelle proprie della categoria di appartenenza rispetto a quelle inferiori (o superiori) svolte deve accertarsi in base alla natura dell’attività stessa, che non deve avere presenza sporadica od occasionale, in quanto idonea a qualificare ed esprimere il livello di professionalità del lavoro stesso (cfr. Cass. civ., Sez. Lav. n. 2637/2000) .

Nel caso di specie, sembra possibile ritenere che le mansioni (riconducibili all’area C) prevalentemente svolte dai funzionari di ragioneria, le quali connotano la professionalità del lavoratore, possano legittimamente coesistere con l’esercizio di mansioni inferiori (riconducibili, nella specie, all’area B), purché queste ultime non siano svolte con ricorrenza e con modalità tali da svilire la professionalità del lavoratore.

A cura della Redazione di www.ilpersonale.it